ET

UFO AL MUFANT

DOMENICA 5 NOVEMBRE 2017, ORE 15.30-19.00

 

Domenica 5 novembre inauguriamo la sezione “UFO e alieni”, la nuova area espositiva ufologica realizzata in collaborazione con il CISU (Centro Italiano Studi Ufologici), l’associazione culturale che si occupa della raccolta delle testimonianze e dello studio del fenomeno degli Oggetti Volanti Non Identificati in un’ottica scientifica e razionale. Una giornata interamente dedicata alla storia degli UFO in occasione del 70° anniversario del primo avvistamento ufficiale.

La collaborazione fra il Mufant, un museo che si occupa di immaginario fantastico, e il CISU, un ente che si occupa del fenomeno degli avvistamenti di cui non si ha una spiegazione, non deve essere intesa come “gli UFO sono fantascienza”, al contrario, ciò che si intende sviluppare è una riflessione sul fenomeno mass mediatico connesso ai diversi periodi di avvistamenti e come anche l’immaginario fantastico abbia accolto in alcune delle sue maggiori narrazioni la tematica ufologica.

Alle 15,30 è prevista la visita guidata condotta dal curatore della sezione Paolo Toselli e dai co-direttori del museo, Silvia Casolari e Davide Monopoli, che approfondiranno le connessioni con l’interferenza del tema degli Ufo in alcune fra le più importanti produzioni fantascientifiche televisive e cinematografiche, esposte nella sezione adiacente, come ad esempio, fra gli altri, le serie televisive Ufo e XFiles, film cult come ET, Alien, Predator.

A seguire si parlerà di “Incontri ravvicinati del terzo tipo” con Paolo Toselli e Gian Paolo Grassino che, ricordando il capolavoro di Steven Spielberg a distanza di 40 anni dalla sua produzione, si soffermeranno sulla consulenza alla pellicola dell’ufologo e astronomo statunitense Joseph Allen Hynek pioniere dell’ufologia “scientifica”, ripercorrendo l’impatto sui media e gli episodi più clamorosi di “contatto” avvenuti proprio in quegli anni.

L’attenzione sarà poi rivolta a un film di casa nostra di cui pochi si ricordano, ovvero “Occhi dalle stelle” del regista e ufologo Roy Garrett, al secolo il piemontese Mario Gariazzo, con Edoardo Russo e Fabrizio Dividi che mostreranno alcuni spezzoni rivelando retroscena inediti.

Sarà anche l’occasione per presentare le recenti pubblicazioni del C.I.S.U., assieme a un’anteprima del libro “UFO tra noi. L’universo è in Piemonte”, editrice Il Punto, alla presenza dell’autore Danilo Tacchino.

La giornata offre uno spazio anche per famiglie con bambine e bambini: durante la presentazione del libro “La pecorella che viaggiò nello spazio e nel tempo” di Andrea Grippo (ed. Voce in capitolo) – ultimo incontro in scaletta – sarà possibile giocare al Gioco dell’oca condotto dall’autore e da Lorenzo Naia (alias La Tata Maschio). Si giocherà al Gioco dell’Oca in versione gigante usando i personaggi e i luoghi di un racconto che viaggia tra passato, presente e futuro, pianeta Terra e iperspazio. In palio la t-shirt ufficiale del libro. Il laboratorio è indicato per la fascia di età dai 6 a 12 anni. E adulti sognatori!
I visitatori potranno infine partecipare al contest #AlienSelfie che premierà a fine giornata la fotografia più originale scattata accanto alla stampa fotografica gigante che riproduce in scala 1:1 le “creature” così come sono state descritte dai più famosi incontri ravvicinati del terzo tipo in Italia e nel mondo.

fronteMappa

IL LIBRO “La pecorella che viaggiò nello spazio e nel tempo
Il 15 maggio 2015 un radiotelescopio russo, Ratan 600, capta un’onda elettromagnetica proveniente da una stella: HD164595b, nella Costellazione di Ercole a 95 anni luce dalla Terra. Il pianeta non sembra adatto a ospitare forme di vita intelligente, capace di inviare messaggi. Ma non la pensa così il dottor Zajcev, astronomo russo che per primo ascolta il messaggio. Per confermare la sua teoria, chiede aiuto alla dottoressa Černych, che riconosce in quel messaggio extraterrestre la filastrocca “Mary ha una pecorella”, scritta e musicata nell’Ottocento da Sarah Hale e Lowell Mason.
Qual è il senso di questo messaggio? Gli alieni esistono? E se esistono cosa vogliono comunicarci?
IN OMAGGIO col libro il poster/mappa con i pianeti da ritagliare e incollare
Autore: Andrea Grippo
Illustrazione di copertina e poster: Manuela Mapelli
Prefazione: Lorenzo Naia
Editore: Voce in capitolo

Lascia una risposta