Sala Protofantascienza

La sala dedicata alla protofantascienza presenta, attraverso una collezione di libri in prima edizione, illustrazioni, riviste e documenti, le origini della Fantascienza a partire dalla prima metà dell’800 fino alla prima metà del ‘900.

Si parte dai classici H. G. Wells e Jules Verne e i loro contemporanei meno conosciuti; con un approfondimento particolare ai libri scritti e meravigliosamente illustrati da Albert Robida. Pannelli descrittivi a cura di Piero Gondolo della Riva.

Si segue poi la nascita della protofantascienza italiana, che vede una rosa di autori e illustratori che hanno posto le basi ad inizio ‘900 per lo sviluppo del genere nel nostro paese: tra i quali Emilio Salgari, Ulisse Grifoni, Jambo, Luigi Motta, Calogero Ciancimino. Pannelli descrittivi a cura di Riccardo Valla.

Si arriva quindi al battesimo della science fiction statunitense con le riviste pulp fra le fine degli anni ’20 e gli anni ’40 del ‘900 (Amazing Stories, Weird Tales, Astounding Stories, Wonder Stories, etc.).

Il percorso si conclude con l’esposizione in collezioni complete delle prime riviste italiane anni ’50 (Scienza FantasticaMondi Nuovi, Mondi astrali, Galassia, I narratori dell’Alpha TauCronache del futuro, etc.), fino ai primi numeri di Urania e Urania Rivista, che ha soppiantato tutte le altre, dando anche al genere, attraverso il primo curatore Giorgio Monicelli, il nome stesso “Fanta-scienza”.

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta